Deficit di ormone della crescita GH

Deficit di ormone della crescita GH

A oggi non esistono integratori alimentari che abbiano un comprovato effetto sulla produzione di ormone di crescita. Per favorire il mantenimento di livelli fisiologici di GH è utile seguire un’alimentazione sana ed equilibrata, perdere il peso in eccesso, fare esercizio fisico e dormire in modo regolare. Oggi l’ormone della crescita viene sintetizzato in laboratori specializzati utilizzando la tecnica del DNA ricombinante (rhGH).

Effetti collaterali della somatropina

Il trattamento a base di somatropina può aumentare il rischio di sviluppare un nuovo tumore in chi ha già lottato contro alcuni tipi di cancro in età pediatrica e ha assunto il farmaco per far fronte a una carenza di ormone della crescita. Inoltre è stato associato a pancreatite, dolori, gonfiore o rigidità a muscoli o articolazioni e aumento della glicemia. La terapia con GH nei bambini con ipostaturalismo dovuto a trattamento radioterapico della ghiandola ipofisaria per cause neoplastiche, comporta un teorico rischio di recidiva tumorale.

Diagnosi di deficit di ormone della crescita

Le manifestazioni del deficit dell’ormone della crescita dipendono dall’età del paziente, dall’eziologia e da carenze ormonali specifiche. I sistemi più innovativi evitano i rischi di sovradosaggio e di errata manipolazione e rendono praticabile la terapia anche direttamente dai bambini più grandi. La somministrazione dell’ormone si inserisce, pertanto, facilmente nella normale routine familiare e diventa un fatto naturale della vita quotidiana. Segni caratteristici del deficit, oltre alla bassa statura, sono lo scarso aumento di peso, il ritardo della dentizione, la presenza di uno spesso strato di grasso sottocutaneo, specie sui fianchi e sull’addome. L’ipofisi, una ghiandola delle dimensioni di un pisello situata alla base del cervello, produce diversi ormoni, ciascuno dei quali influenza una specifica zona dell’organismo (organo o tessuto bersaglio).

  • Gli ormoni vengono somministrati al bambino sino a che raggiunge una statura accettabile o sino a che la sua crescita non supera i 2,5 cm all’anno.
  • Ci sono poi alcune testimonianze aneddotiche di alcuni giocatori di baseball che hanno ammesso di aver fatto uso di GH e hanno dichiarato che non ne hanno tratto beneficio [8].
  • Alcuni atleti, spesso nell’ambito del culturismo, abusano dell’ormone della crescita nel tentativo di aumentare la massa muscolare e la forza, ma si tratta naturalmente di pratiche vietate e considerate doping.

Saranno inoltre determinati i livelli di IGF-I circolanti e saranno effettuate altre indagini per escludere la presenza di altre possibili malattie. A differenza del test di stimolazione di GH, quello di soppressione di GH viene richiesto solo nel caso in cui adulti o bambini presentino sintomi e segni riconducibili a un eccesso di ormone della crescita (acromegalia o gigantismo). Viene prelevato un campione di sangue venoso a intervalli regolari perché l’ormone della crescita viene rilasciato in maniera intermittente e la singola misurazione di un campione rischia di non essere clinicamente rilevante. Il bambino con deficit di GH presenterà dunque bassa statura associata a un rallentamento della velocità di crescita e a un ritardo della maturazione ossea. Il trattamento sostitutivo è indicato solo in quei bambini con bassa statura in cui sia stato correttamente documentato un deficit di ormone della crescita.

Il deficit dell’ormone della crescita (GH) nei bambini deriva dall’incapacità della ghiandola pituitaria di produrre GH in quantità sufficiente per mantenere l’omeostasi del glucosio e / o per raggiungere la normale velocità di accrescimento. Il deficit dell’ormone della crescita (GHD) viene stabilito sulla base della presenza di una risposta del GH subottimale nel corso di un test di stimolazione dopo il riscontro clinico di una bassa statura o una ridotta velocità di accrescimento. Nei bambini con deficit dell’ormone della crescita (GH) isolato, viene normalmente effettuato lo screening per individuare il deficit degli altri ormoni ipofisari (MPHD) e per valutare gli effetti avversi correlati al trattamento con ormone della crescita (GH). Pertanto gli autori di questo lavoro hanno cercato di valutare il tasso della presenza della MPHD tra i bambini nei quali viene diagnosticata inizialmente la GHD isolata per giudicare se la pratica dello screening avesse una base scientifica ed hanno cercato di valutare l’utilità dei test per identificare le complicanze della terapia con GH. I soggetti sono stati esclusi se la GHD era associata a un disturbo acquisito oppure ad una condizione nota per essere associata ad anomalie ipofisarie. In totale sono stati studiati 328 soggetti (171 con GHD, 154 con bassa statura idiopatica e tre con carenza di SHOX).

Il difetto di produzione dell’ormone della crescita determina un rallentamento della crescita poiché la principale azione dell’ormone si esplica direttamente e indirettamente (attraverso la produzione di fattori di crescita) sulla cartilagine di accrescimento delle ossa lunghe. Il GH è sintetizzato dall’ipofisi sotto il controllo di altri ormoni prodotti dall’ipotalamo, uno che ne stimola la secrezione e uno, la somatostatina, che ne inibisce la liberazione. La secrezione del GH è anche regolata positivamente da un’altra molecola prodotta principalmente dallo stomaco, la grelina. Il GH viene rilasciato in maniera intermittente e generalmente la maggiore produzione si ha la notte durante le fasi del sonno profondo. Gli stimoli fisiologici per stimolare la produzione di GH, oltre al sonno, sono l’esercizio, lo stress e il digiuno, mentre l’obesità ne riduce la produzione.

I test genetici possono essere fatti se i medici temono che il bambino sia affetto da una sindrome specifica (come la sindrome di Turner). Il deficit di ormone della crescita si verifica quando l’ipofisi non produce una quantità sufficiente di ormone. Il deficit può essere isolato, ossia senza altre alterazioni ormonali ipofisarie, oppure multiplo, cioè associato a deficit di produzione di altri ormoni ipofisari. Se la carenza o mancanza dell’ormone è precoce durante l’infanzia compromette lo sviluppo generale ed è causa di nanismo ipofisario. La forma acquisita è invece secondaria a lesioni dell’ipotalamo e/o dell’ipofisi che causano un malfunzionamento della ghiandola. È una sostanza indispensabile per il normale processo di accrescimento del bambino, coinvolta nello sviluppo delle ossa, della muscolatura e di altri organi.

L’ormone della crescita (GH) è un ormone che in condizioni naturali vienesecreto dalla ghiandola pituitaria e la cui funzione è quella di attivare la crescitae la proliferazione cellulare. Da un punto di vista più funzionale sono invece due gli ambiti in cui si osserva la maggior influenza da parte dell’ormone della crescita. Attualmente il miglior modello disponibile per ipotizzare gli effetti  della somministrazione di alte dosi di GH per lungo tempo è l’Una malattia caratterizzata da un’elevata produzione di ormone della crescita dopo la pubertà. Il GH svolge la sua azione fisiologica direttamente mediante interazione con recettori specifici o indirettamente stimolando il rilascio da parte del fegato di insulin like growth factor-1 (IGF-1) la cui produzione, come quella del GH, è regolata anche da altri fattori ormonali e nutrizionali.

L’ormone della crescita, detto anche ormone somatotropo (GH, growth hormone), è un ormone proteico composto da una sequenza di 191 amminoacidi, cioè molecole aggregate in lunghe catene che servono appunto a formare le proteine. È vero che la sintesi di ormone della crescita può essere promossa da alti livelli plasmatici di amminoacido arginina; d’altro canto, questa condizione non può essere instaurata assumendo per bocca dei supplementi nutrizionali – si renderebbe necessaria la somministrazione endovenosa. L’allenamento sembra aumentare la secrezione di ormone somatotropo e la sua risposta all’esercizio acuto, con aumento dell’IGF-1.

Il bambino di bassa statura viene facilmente percepito come ‘piccolo’ e scatena da parte delle famiglie un atteggiamento iperprotettivo a cui si aggiunge il senso di colpa e di responsabilità nel far rispettare correttamente le terapie. Il deficit di ormone della crescita può associarsi a quello di altri ormoni ipofisari, con la comparsa di differenti quadri clinici, a seconda degli Proviron ormoni interessati. La secrezione di ormone della crescita va incontro ad un incremento durante il periodo puberale e si riduce nell’età adulta fino ad essere pressoché assente nell’età senile. L’effetto dell’ormone è mediato da alcuni fattori di crescita o somatomedine, il più importante dei quali è definito IGF-I (insulin growth factor I), in gran parte prodotto dal fegato.

Deixe um comentário

O seu endereço de e-mail não será publicado. Campos obrigatórios são marcados com *